Loading...

“Di farina in farina”: a ciascuna ricetta la sua con Marianna Franchi

C’è talmente tanta scelta di libri e riviste di cucina oggi, che capita spesso di rifornire la propria libreria di un sacco di (as)saggezza culinaria ma anche di dimenticarsi di quei libri molto presto e finire con comprarne di nuovi; eppure vi sarà certo capitato di avere anche dei ricettari a cui tenete particolarmente, magari perché sono appartenuti alla nonna o alla mamma, magari perché sono stati fonti di ispirazione per voi in più occasioni, magari perché tra i tanti libri di cucina in commercio avevano una marcia in più.

E’ quello che mi è capitato personalmente con il libro “Di farina in farina”, proposto dall’autrice Marianna Franchi ed edito da Guido Tommasi Editore (che sforna molti altri interessantissimi e bellissimi libri di cucina); un libro che ha comprato mia sorella, appassionata di panificazione casalinga e dell’utilizzo di farine alternative alla classica 00, ma che ho sfogliato più volte anch’io incuriosito e attratto da subito dalle bellissime immagini accompagnate alle diverse ricette. Marianna Franchi nel suo goloso ricettario suddivide i capitoli per tipologia di farina, da quella di avena, a quella di orzo, dal kamut al mais e via dicendo, proponendo per ciascuna ricette dolci e salate ma soprattutto suggerendo anche alcune combinazioni di farine sperimentate da lei stessa.

Ammetto di aver da sempre  apprezzato soprattutto le ricette dolci di Marianna (pur non essendo un goloso di torte!): sono rustici, profumati e danno molta soddisfazione!  Ed è da questo libro che continuo a trarre ispirazione per provare nuove e golose ricette, ma se volete cimentarvi anche in qualche piatto di pasta o pane fatti in casa, “Di farina in farina” sarà ugualmente un valido aiuto !

Con queste belle more raccolte dalla siepe del mio giardino ho preparato un dolce ispirato alla ricetta di Marianna di pagina 32 “Torta di ricotta e ribes rosso” per la sezione farina di amaranto, utilizzandole quindi al posto del ribes; ho apportato alcune modifiche alla sua ricetta originale non avendo tutti gli ingredienti e volendo sperimentare qualche variante:

Ingredienti

180g di farina di farro

30g di farina di amaranto

50g di mandorle intere

250g di ricotta fresca

190g di zucchero di canna chiaro

3 uova intere

2 cucchiai di grappa al mirtillo

1 limone non trattato

200g di more

16g di lievito per dolci

sale

Procedimento

Tritare le mandorle nel mixer a intermittenza fino a ridurle in farina (questa fase, nel libro, prevede che l’amaranto venga tritato insieme alle mandorle, ma io avevo la farina di amaranto già pronta).

Separare i tuorli dagli albumi e lavorarli con lo zucchero; incorporare la ricotta, la farina di amaranto e mandorle, la buccia grattugiata del limone, la grappa al mirtillo, un pizzico di sale e, infine, la farina di farro setacciata con il lievito.

A parte montare gli albumi a neve e successivamente incorporarli all’impasto mescolando dall’alto al basso delicatamente; aggiungere le more e mescolare.

Infornare l’impasto nello stampo (24cm) nel forno preriscaldato a 180°, per circa 35-40 minuti.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

No Comments

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: