Loading...

Costine al forno, involtini di radicchio e un calice di rosso

Le costine di maiale sono un evergreen che potete sempre fare quando avete amici a casa e volete preparare qualcosa di gustoso che non richieda particolari preparazioni. Se non avete la possibilità di farle al barbecue, o anche solo per variare, potete sempre ripiegare su una bella cottura al forno!

 

Io per i miei amici ho comprato una dozzina di costine di maiale, che ho poi fatto insaporire per qualche ora con rosmarino, timo, pepe e quattro grossi spicchi d’aglio; prima di infornare ho spennellato le costine con un po’ di olio e le ho fatte cucinare a 220° girandole di tanto in tanto e spennellando nuovamente d’olio. Ho salato verso fine cottura, quando potete mettere due minuti di grill per far formare la crosticina!

Belle, calde e fumanti, hanno invaso la cucina di un profumo delizioso e invitante!

Con cosa le abbiamo accompagnate?

Ecco un’idea per un contorno facile e gustoso:

INVOLTINI DI RADICCHIO CON PATATE,CIPOLLA ROSSA E SPECK

Ingredienti (per 12 involtini circa)

– 2 cespi di radicchio tondo
– 2 patate lesse di media grandezza
– 1 fetta spessa di speck (1 etto circa)
– mezza cipolla rossa tipo Tropea
– olio, pepe e sale q.b.

Procedimento:

– Riempite una pentola d’acqua e portate ad ebollizione
– Scegliete le foglie più grandi del cespo di radicchio e scottatele un paio di minuti nell’acqua bollente, poi immergetele subito in acqua e ghiaccio
– Preparate la farcia facendo rosolare lo speck tagliato a cubetti con la cipolla rossa, aggiungendoli poi alle patate lesse tagliate a loro volta a cubetti; aggiustate di olio e sale, aggiungete una macinata di pepe
– Riempite le foglie del radicchio con la farcia e, per chiudere gli involtini, avvolgetele su loro stesse
– Infornate per 5 minuti a 180°



Note:

– Potete arricchire i vostri involtini aggiungendo sopra  del formaggio da far gratinare
– Se vi avanza ripieno potete sempre utilizzarlo per condire una pasta, un insalata fredda di pollo o una torta salata
– Ottimi anche come piccolo antipasto!





 
Ovviamente non può mancare un buon calice di vino da accompagnare ai nostri piatti!
Noi abbiamo provato un vino nuovo, questo “Sedàra” Sicilia DOC di Donnafugata 2014 che ci ha lasciato piacevolmente sorpresi: al naso uno stuzzicante sentore di frutti rossi, che ritroviamo anche in bocca insieme a un tannino avvolgente e una bella morbidezza che ci conquista dal primo all’ultimo sorso!

Sito web Donnafugata

Print Friendly, PDF & Email

No Comments

Leave a Reply

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: